ancona e torino

by Amicus Plato

Non solo Fiat, questo lo slogan lanciato da Valentino Castellani una ventina di anni fa quando fu eletto sindaco di Torino. Non uno slogan elettorale, ma l’indicazione di una strada nuova che si voleva percorrere, di un progetto da costruire. La diversificazione della struttura economica della città e della sua stessa immagine, legata alla grande fabbrica, alla monocultura manifatturiera e ai conflitti sociali; da Gramsci alla marcia dei quarantamila.

E da allora Torino e la sua immagine sono cambiate e la città è ripartita.

Direi che ad Ancona è mancato, nella recente esperienza amministrativa, qualcosa del genere. Valeria Mancinelli è stata efficace, fino da quando presentò la sua candidatura, a dire come avrebbe governato: come intendeva definire i rapporti coi partiti, col Consiglio comunale. con le aziende partecipate. Mettendo fine ad anni di instabilità e paralisi. Meno efficace è stata a comunicare la direzione in cui avrebbe mosso l’amministrazione e verso la quale avrebbe chiamato la città a partecipare e mobilitarsi.

Di questo si è parlato in un recente incontro nella bellissima biblioteca di Franco Amatori con il Sindaco di Ancona e Castellani, intitolato appunto Amministrare e comunicare. Il tempo perduto va recuperato e l’occasione della elaborazione del piano strategico, iniziata con l’iniziativa di settembre alla Mole, va colta.

Sapendo che il piano non va inteso come un prodotto confezionato da sottoporre all’opinione pubblica cittadina, bensì come un cammino da fare insieme alla città. Ma per partire una direzione in cui si pensa di andare va detta, sapendo che comunicare è più vicino a partecipare che a informare.

Cercasi slogan disperatamente. Me ne viene in mente uno: una volta Andy Warhol domandò ad un artista suo amico che si era trasferito da Lugano a New York perché lo avesse fatto. “Perchè Lugano è noiosa” gli rispose il suo amico. I love boring cities, disse Warhol. Che ne dite, tanto per cominciare, di uno slogan del genere: We love boring cities?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *