habemus papam

by Amicus Plato

Alla fine il Pd ha un segretario. Era tempo: dopo un anno di afasia – e che anno! – può ripartire. La grande partecipazione e l’ampia maggioranza dànno a Zingaretti un mandato e una legittimazione forti. Martina paga, anche al di là dei suoi demeriti, l’incolore gestione della reggenza; Giachetti si poneva un obiettivo limitato, quello di impedire la damnatio memoriae di Renzi e del suo governo; se ci sia riuscito lo vedremo nei prossimi mesi.

Quando un candidato suscita una così ampia partecipazione e raccoglie un così grande consenso è segno che il suo messaggio è stato apprezzato e condiviso. Zingaretti è stato vago sui contenuti, quello invece che ha detto con chiarezza è l’intenzione di una gestione collegiale del partito e della ricerca della più ampia unità fuori del partito per condurre l’opposizione al Governo Conte. In questo modo ha raccolto una preoccupazione e una domanda di alternativa che cominciano ad essere diffuse. Gli elettori del Pd vogliono l’unità  dentro e fuori del partito, perchè la considerano necessaria per contrastare un governo pericoloso.

Sappiamo d’altra parte che l’unità ha l’altra faccia della medaglia, che si presenta quando è il momento di governare: allora, la gestione collegiale diventa oligarchia che spartisce le posizioni di potere e la più ampia unità diventa l’inguardabile sfilata dei minileader davanti alla telecamere che paralizza il governo. Ma a questo, sembrano dire gli elettori del Pd, si penserà poi, adesso è il momento dell’opposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *