il perno e la ruota

by Amicus Plato

Si è parlato di Ancona capoluogo della regione qualche giorno fa in una conferenza promossa dal consigliere regionale Gianluca Busilacchi e dal PD. Iniziativa meritoria, perché punta a mettere la discussione su un piano concreto, oltre le recriminazioni e le gelosie tra i sostenitori del policentrismo e quelli che vorrebbero Ancona “perno della ruota della regione” (cfr. Busilacchi), tra chi pensa che Ancona sottragga risorse al resto della regione e chi al contrario che paghi costi che non le competono.

Ma l’impressione positiva si ferma qui, per il resto prevale lo sconforto per un dibattito ancora allo stadio preliminare.  › Leggi il seguito

i ggiovani in campo

by Amicus Plato

civati
Nel PD cresce il dibattito sul rinnovamento generazionale. In pochi giorni si tengono molte iniziative: Civati e Serracchiani riuniscono mille persone in piazza Maggiore a Bologna, a l’Aquila, Fassina, Orlando e Zingaretti riuniscono i quarantenni (e partecipano anche Serracchiani e Civati). Tra poco, l’assemblea di Firenze alla Stazione Leopolda convocata da Renzi, che si è separato da Civati e Serracchiani. Da ultimo è emerso anche un gruppo di trentenni, battezzati il T-party del PD (vedi il blog “Liberi a sinistra”).
E naturalmente questa dialettica si sovrappone a quella più tradizionale tra le correnti: leggi il seguito

stock 84

by Enrico Turchetti
stock 84
Tanti anni fa, al termine di Tutto il calcio minuto per minuto, partiva la pubblicità che così diceva: “Se la squadra del cuore ha vinto festeggiate con Stock, se ha perso consolatevi con Stock. In queste elezioni mi sento di festeggiare per l’avvenuta elezione del candidato che ho sostenuto e mi consolo per il risultato vittorioso delle Marche, per il resto mi pare sia andata piuttosto male. leggi il seguito

new

by Amicus Plato
busilacchi
Ha messo sul suo manifesto elettorale la pecetta “new”, per segnalare la pecularietà della sua candidatura rispetto ad una lista che di novità ne ha poche, almeno tra chi ha concrete possibilità di essere eletto.
Ma, ci dice, new non vuole dire solo nuovo come candidato, ma per il modo di rapportarsi con gli elettori: nel primo punto del suo programma ci sono la trasparenza e la “tracciabilità”, vale a dire l’impegno a informare e interagire con continuità con gli elettori, riferendo a loro – via internet o con il contatto diretto – dell’avanzamento delle iniziative legislative e di altro tipo che prenderà. leggi il seguito

manifesti e slogan

by Peggy
FRONTE POPOLARE
Comincia la campagna elettorale per le regionali e già le vie, i viadotti e i parcheggi delle nostre città sono invasi dai poster dei candidati.
Quello di Spacca è molto ben fatto: colori autunnali ma rassicuranti, il candidato si sporge sorridendo come da un sipario. Sembra il vicino di casa che passa a salutare e se l’inquadratura fosse intera non ci sorprenderemmo di vedergli in mano un mazzo di fiori o un vassoio di castagnole. Se fosse Berlusconi, farebbe cucù. leggi il seguito

candidature

by Amicus Plato
albanese
Con la “discesa in campo” di Gianni Venturi, segretario regionale della CGIL, la competizione per le candidature alla Regione è partita alla luce del sole. Alla CGIL dicono che la cosa era prevista, anche perchè le elezioni coincidono con la fine del mandato, non rinnovabile, di Venturi. Ma il cammino della sua candidatura non sarà comodo. Difficile, innanzitutto, che in un momento di congresso nazionale del sindacato, gli possa arrivare una spinta, più o meno ufficiale, da parte della segreteria nazionale della CGIL. L’altro handicap, più banale, ma non per questo meno grave, consiste nel fatto che Venturi viene da Fano ma vive a Chiaravalle: leggi il seguito