wilkifabio

by Mariangela
sturani
‹‹Fabio Sturani (Ancona, 15 febbraio 1958) è un politico italiano, attuale sindaco di Ancona. Perito industriale, dopo il diploma ricopre incarichi direttivi nel Partito Comunista Italiano prima e nei Democratici di Sinistra poi. Nel 1983 è eletto per la prima volta consigliere comunale di Ancona. In questo periodo dirige il giornale “La voce di Ancona”. Dopo la rielezione a consigliere del 1988, nel 1993 entra nella giunta del sindaco Renato Galeazzi con le deleghe allo sport, turismo, politiche giovanili, polizia municipale, viabilità, lavori pubblici, bilancio e finanze. leggi il seguito

quelli che…vogliono vedere le carte

by Amicus Plato
faldoni
Consiglio a tutti la lettura del’articolo sul Resto del Carlino di oggi del prof. Di Stasi e dell’avv. Boldrini, che esaminano la richiesta di archiviazione della Procura di Ancona a proposito della vicenda Sturani e la demoliscono, al punto da chiedersi se chi l’ha firmata sapesse cosa firmava. E, sia chiaro, Di Stasi e Boldrini non sono amici di partito di Sturani, ma due operatori del diritto che ancora credono che chi è indagato debba godere della presunzione di innocenza e della tutela della magistratura, compresa quella che indaga su di lui. leggi il seguito

giro di boa

by Amicus Plato
palazzo
Era meglio una richiesta di proscioglimento, ma la decisione del PM di Ancona di chiedere l’archiviazione per decorrenza dei termini del procedimento a carico del Sindaco di Ancona sgombra comunque il campo da un elemento di incertezza che ha influenzato la vita politica e il governo della città.
Ora, tra l’altro, conosciute le motivazioni della decisione, Sturani potrà dire la sua e ciascuno potrà giudicare della credibilità delle accuse. leggi il seguito

l’ingorgo anconetano

by A.L.
trubbiani
La vita politica anconetana è in una fase delicata: nel post “l’era migliorista” del Marzo 2007 scrivevo che ci trovavamo in un incrocio, nel quale c’era bisogno di qualcuno che dirigesse il traffico, altrimenti ci sarebbe stato un ingorgo. Ora siamo nell’ingorgo, ma non è ancora troppo tardi per uscirne.
L’incrocio è dato da tre strade che si incontrano: leggi il seguito

gli amici di sturani

by Amicus Plato
sturani
Dopo varie riunioni di gruppi – da Sardella, al Pincio, da My Nonna e altre – il rischio era che agli occhi dell’opinione pubblica cittadina e del partito democratico anconetano, lo stesso sindaco apparisse isolato. E’ comprensibile perciò che alcuni “amici di Sturani” abbiano convocato una riunione ieri alla Palombella per incoraggiare il sindaco ad andare avanti. Sbagliato invece escludere qualcuno: si doveva chiarire lo scopo della riunione – appunto, incoraggiare il sindaco – e lasciare che chi non condivide lo scopo si autoescludesse. leggi il seguito

le ragioni dei dissidenti

by Amicus Plato
dissidenti
I “dissidenti” sono quei consiglieri comunali di Ancona della maggioranza e del PD che stanno tenendo la Giunta sulla graticola contestando varie delibere che vengono presentate in Consiglio, specie in materia urbanistica. Hanno cominciato questa estate votando la mozione di sfiducia al presidente del Consiglio Frisoli, un modo per colpire di rimbalzo il vicesindaco Simonetti: sembrò allora che si tattasse soprattutto di un conflitto interno al PD su questioni di equilibrio politico nel partito e nell’amministrazione.
C’era in ballo – lo è stata per diversi mesi – la questione del rimpasto leggi il seguito

il bilancio di sturani

by Amicus Plato
sturani
C’è di mezzo la spada di damocle della possibile richiesta di rinvio a giudizio che rende instabile la situazione, ma il rating di Sturani sta risalendo, dopo un periodo davvero grigio: divisioni nel suo partito, qualche infortunio, in generale l’impressione di un procedere a tentoni, senza una strategia e un progetto.
Ma, a ben vedere, il suo bilancio non è negativo: leggi il seguito

il puzzle anconetano

by Amicus Plato
puzzle
Piano piano, le tessere del puzzle anconetano si stanno ricomponendo. Senza una regia, ma per la comune consapevolezza che continuare così sarebbe un suicidio, tra conflitti di partito, indebolimento dell’amministrazione, figuracce pubbliche e contrasti con la Regione.
In primo luogo, Spacca e Sturani hanno firmato se non la pace almeno un armistizio: ne sono una prova la localizzazione dell’INRCA all’Aspio, come richiesto da Sturani, l’apertura del nuovo pronto soccorso, i fondi per i trasporti. In cambio, Sturani non obietta alla delocalizzazione della Fiera leggi il seguito

il caso frisoli

by Amicus Plato
ancona
Probabilmente, neanche i consiglieri di minoranza che hanno presentato la mozione di sfiducia al presidente del Consiglio comunale di Ancona Pino Frisoli pensavano di fare tanti danni alla maggioranza: un colpo sparato a casaccio, come il primo nel gioco della battaglia navale, e invece, voilà, colpito un incrociatore! 15 voti a favore, 12 contro, e 9 astenuti, non abbastanza per affondare la nave nemica, ma sufficienti per spaccarla a metà, se è vero che metà del gruppo PD si è astenuto o ha votato a favore. leggi il seguito